Attestato di soggiorno per cittadini comunitari

ATTESTATO DI SOGGIORNO PER CITTADINI COMUNITARI

Responsabile del procedimento/provvedimento finale: dott.ssa Amanda Di Meo

Descrizione del procedimento

Cos’è :

L’attestato di soggiorno è il documento che attesta il diritto del cittadino comunitario di soggiornare nel territorio nazionale per un periodo superiore a tre mesi. Esso sostituisce il permesso di soggiorno o carta di soggiorno. Per soggiorni di durata inferiore a tre mesi non è necessario richiedere l’attestato.

A chi è destinato :

Agli stranieri aventi la cittadinanza di uno Stato appartenente all’Unione Europea o ad uno dei seguenti Stati: Andorra, Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Principato di Monaco, Repubblica di San Marino e Svizzera . Per ottenere l’attestato tali cittadini devono dimostrare di possedere i requisiti previsti dall’art. 7 del D.Lgs. 6/2/2007 n. 30 ed in particolare di essere in una delle seguenti condizioni:

a) lavoratore subordinato o autonomo nello Stato;

b) disponibilità per sé stesso e per i propri familiari di risorse economiche sufficienti e di una assicurazione sanitaria o di altro titolo idoneo che copra tutti i rischi sul territorio nazionale;

c) iscritto presso un istituto pubblico o privato riconosciuto, disponibilità per sé stesso e per i propri familiari di risorse economiche sufficienti e di una assicurazione sanitaria o di altro titolo idoneo che copra tutti i rischi sul territorio nazionale;

d) familiare (coniuge, discendente in linea retta fino a 21 anni o a carico e quelli del coniuge, ascendente in linea retta a carico) che accompagna o raggiunge un cittadino comunitario che ha diritto di soggiorno ai sensi delle lettere a), b) o c).

Come si richiede :

Per ottenere il rilascio dell’attestato di soggiorno occorre essere residente nel Comune e presentare apposita domanda corredata della documentazione prevista a seconda del requisito posseduto.

LAVORATORE COMUNITARIO DIPENDENTE (art. 7, lett. a):

– contratto di lavoro (o lettera di assunzione) in originale

– dichiarazione recente del datore di lavoro attestante che il dipendente è ancora assunto

– ricevuta della comunicazione dell’avvio del rapporto di lavoro al Centro per l’impiego (ricevuta

telematica o ricevuta della raccomandata con ricevuta di ritorno o copia della comunicazione consegnata

a mano, con timbro del Centro per l’Impiego)

LAVORATORE COMUNITARIO AUTONOMO (art.7, lett. a):

– certificato di iscrizione C.C.I.A.A.

– disponibilità di mezzi economici (art.7, lett. b):- dichiarazione relativa alla disponibilità di risorse

economiche sufficienti per sé e/o per i propri familiari

– Tessera sanitaria TEAM rilasciata dal Paese di origine oppure assicurazione sanitaria italiana che copra

tutti i rischi nel territorio italiano di durata annuale o documento equivalente quali a titolo di esempio:
– il Pensionato può presentare il modello E121 che prevede la copertura sanitaria per sé e per i propri

familiari
– il dipendente di una ditta estera che è in Italia per lavoro può presentare il modello E106 rilasciato dal

Paese di origine che prevede la copertura sanitaria per sé e per i propri familiari.

STUDENTE (art.7, lett. c):

– certificato di iscrizione/frequenza presso un istituto pubblico o privato;

– dichiarazione relativa alla disponibilità di risorse economiche sufficienti per sé e per i propri familiari con

indicazione della fonte del reddito dichiarato e ogni elemento utile a consentire eventuali verifiche della

dichiarazione resa

– assicurazione sanitaria italiana per sé e per eventuali familiari che copre tutti i rischi in materia sanitaria

di durata annuale o comunque uguale al corso di studi o di formazione frequentato, oppure Modello

E106 rilasciato dal Paese di origine.

FAMILIARE COMUNITARIO DI UN DIPENDENTE O DI UN LAVORATORE AUTONOMO COMUNITARIO (art. 7, lett. d):

– documentazione tradotta e legalizzata o modello plurilingue che attesti la qualità di familiare (coniuge,

figlio fino ai 21 anni o discendente comunque a carico del comunitario o del coniuge, genitore a carico

del comunitario o del coniuge)

– documentazione attestante la condizione di lavoratore dipendente o autonomo come sopra indicato
– dichiarazione attestante la vivenza a carico.

Tempi:
Per la certificazione occorrono 30 gg.

Validità documentazione rilasciata: a tempo indeterminato, purchè permangano i requisiti previsti per il rilascio dell’attestato di soggiorno.

Spese a carico dell’utente :

Marca da bollo da € 16.

Dove rivolgersi:

Ufficio Anagrafe – via Roma n.16- Pec: comunerecale@pec.it

Sig.ra Di Rauso Raffaela: 0823/461020 – fax 0823/461010

Torna all'inizio dei contenuti